lunedì 30 dicembre 2013

Top 20 architectures of 2013

Cari lettori volevo condividere con voi le top 20 architetture del 2013 più seguite in "Archilovers" il social network degli architetti e di coloro che amano l'architettura .


Lovers 219
Tel Aviv / Israel / 2013
Pitsou Kedem Architects

Lovers : 177



Lovers : 192


Lovers : 167

Lovers : 163

Lovers : 162

Lovers : 166

Lovers : 159

Lovers : 154


Lovers : 153

Lovers : 152

Lovers : 145

Lovers : 141

Lovers : 139

Lovers : 232

Lovers : 143

Lovers : 152
Casa YTorino 2012
F:L Architetti
Buon anno a tutti e arriverderci al prossimo post

Interni Design Genova

  



sabato 28 dicembre 2013

Casa in legno integrata nella natura


L’area dove sorge Hideg House è stata utilizzata nei secoli precedenti come cava e la parete rocciosa che lo testimonia è uno degli elementi più forti che caratterizzano il paesaggio.
Per ricevere la quantità di luce naturale necessaria durante tutto l’anno e avvicinarsi il più possibile alla parete rocciosa, l’edificio è stato realizzato a un’altezza di 10 metri rispetto alla strada che corre lungo il fondovalle.
Béres Architects, Hideg House, Kőszeg, Ungheria
L’edifico ligneo, che sembra fluttuare sopra il terreno, è composto da due volumi uniti da una spessa cornice nera. Al centro, una terrazza coperta diventa il fulcro dell’abitazione e offre una vista perfetta sulla roccia a nord e sul bosco verso sud.
Béres Architects, Hideg House, Kőszeg, Ungheria
Luce naturale e vista sul paesaggio circostante sono i due fattori principali che influenzano la progettazione. I 110 metri quadri di superficie alternano così grandi aperture ombreggiate sul fronte sud e scorci della vecchia cava a nord.
Béres Architects, Hideg House, Kőszeg, Ungheria

Il contrasto tra il rivestimento di larice grezzo segato tinto di nero delle superfici esterne e lo stesso materiale, liscio e con finitura naturale, della veranda, accompagna i visitatori verso lo spazio interno, dove le pareti bianche assorbono i colori variabili del cielo e del contesto.
Béres Architects, Hideg House, Kőszeg, Ungheria
L’edificio sorge in una zona caratterizzata da estati calde e inverni freddi, pertanto l’architettura deve essere in grado di garantire il comfort durante tutte le stagioni. Una combinazione di alta tecnologia e di semplici soluzioni ecologiche ha permesso la realizzazione di un edificio a basso costo e basso consumo energetico.










Hideg House, Kőszeg, Ungheria


Tipologia: casa unifamiliare
ArchitettiBéres Architects
Area: 110 mq
Completamento: 2013

articolo da domus web
Al prossimo post e continuate a seguirci anche su facebook e twitter


   

lunedì 15 luglio 2013

Decreto legge 63/2013 riassunto

Cari lettori volevo rendere noto a tutti che grazie all'entrata in vigore del decreto legge 63/2013
(pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 130 dello scorso 5 giugno) sarà possibile avere delle grosse agevolazioni fiscali per le ristrutturazioni di casa e per l'installazione di impianti fonti rinnovabili. Con l'entrata in vigore del decreto molti rivenditori di mobili si sono adeguati e promuovono delle convenzioni sull'acquisto della mobilia per ristrutturare casa.

Punti salienti per le ristrutturazioni 


Detrazioni fiscali 


Le detrazioni fiscali per gli interventi di efficienza energetica sono riconosciute nella misura del 65% per le spese sostenute fino al 31 dicembre 2013, con l'esclusione delle spese sostenute per gli interventi di sostituzione di impianti di riscaldamento con pompe di calore ad alta efficienza ed impianti geotermici a bassa entalpia nonché delle spese sostenute per la sostituzione di scaldaacqua tradizionali con scaldaacqua a pompa di calore dedicati alla produzione di acqua calda sanitaria. La detrazione è prorogata fino al 30 giugno 2014 per gli interventi relativi a parti comuni degli edifici condominiali o che interessino tutte le unità immobiliari di cui si compone il singolo condominio.Sono altresì prorogate al 31 dicembre 2013 le detrazioni al 50% per gli interventi di ristrutturazione edilizia.


Installatori impianti fonti rinnovabili  


L'art. 17 ha introdotto le modificazioni all'art. 15 del D.Lgs. 28/2011 estendendo la qualifica professionale per l'attività di installatore e manutentore straordinario di impianti a fonti rinnovabili a tutti coloro che hanno i requisiti tecnico professionali di cui alle lett. a), b), c) o d) dell'art. 4 comma 1 del D.M. 37/2008, e dilazionando al 31 ottobre 2013 l'obbligo, per le province e le regioni, di attivare un programma di formazione o procedere al riconoscimento di fornitori di formazione, consentendo altresì il riconoscimento di crediti formativi basati sulla prestazione lavorativa e la collaborazione tecnica continuativa.




Prestazione e certificazione energetica 

Con il decreto legge viene aggiornato il decreto legislativo 192/2005, in materia di prestazione e di certificazione energetica degli edifici. Tra le principali novità, rientra la revisione delle metodologie di calcolo e dell'applicazione dei requisiti minimi di efficienza degli edifici, che dovranno tenere conto del raggiungimento di livelli ottimali in funzione dei costi, come disposto dalla direttiva europea. Fino all'entrata in vigore dei decreti attuativi volti a definire le nuove metodologie di calcolo, continuano ad applicarsi le disposizioni previste dal d.P.R. 59/2009.

Viene introdotto l'obbligo, per le nuove costruzioni, della realizzazione di edifici ad energia quasi zero, a partire dal 31 dicembre 2018 per gli edifici pubblici e dal primo gennaio 2021 gli edifici privati.

Per quanto riguarda le disposizioni in materia di certificazione energetica, non perdono comunque efficacia le disposizioni provinciali stabilite con il d.P.P. 11-13/2009 e con le successive deliberazioni attuative della Giunta provinciale. Per quanto non espressamente disciplinato dalla Provincia si applicano le disposizioni nazionali; in particolare, tra le novità introdotte, si segnalano:
- l'obbligo di rilascio dell'attestato anche in caso di locazione di edifici/unità immobiliari, al pari di quanto già avviene per le compravendite (nuovo art. 6 d.lgs. 192/2005)
- il rilascio dell'attestato in forma di dichiarazione sostitutiva di atto notorio ai sensi dell'art. 47 del d.P.R. 445/2000 (nuovo art. 6 d.lgs. 192/2005)
- l'introduzione di una sanzione amministrativa compresa tra 500 e 3000 euro per la mancata indicazione dell'indice di prestazione energetica nell'annuncio di vendita o locazione di edifici/unità immobiliari (nuovo art. 15 d.lgs. 192/2005).

Per ulteriori info potete consultare il decreto legge 63/2013 cliccando sull'icona della gazzetta ufficiale 





venerdì 5 luglio 2013

DIVISORI ACUSTICI PER QUALSIASI SPAZIO


Cari lettori in questo post volevo farvi conoscere modi alternativi di dividere gli interni delle vostre attività commerciali e perché no anche di casa vostra. 
Ultimamente mi sono trovato ad affrontare un progetto di divisione delle aule in un asilo dove vi era il problema dell'acustica. Potrete trovare il progetto completo nella mia pagina di archilovers cliccando nell'icona di seguito:




Ho deciso di utilizzare una divisione degli spazi un pò alternativa,ossia dei divisori autoportanti di diverse forme e tutti in materiale fonoassorbente in modo tale da poter diminuire il riverbero nelle aule e ottenere un'acustica migliore.
Ecco con quali forniture mi sono servito per proporre al committente alternative divisorie fonoassorbenti di design, colorati, efficienti e adattabili a qualsiasi spazio.
Buzziblinds
Buzzizone
Buzziscreen
Buzzipuzzle
Buzzipuzzle



Se avete degli open space, o uffici con più compartimentazioni dove devono lavorare persone di settori differenti queste soluzioni fanno al caso vostro. 
Di seguito indico le aziende competenti per ulteriori informazioni :

Fornitore ufficiale Genova



Azienda produttrice e cataloghi



Al prossimo post e non vi dimenticate di seguirci su facebook





mercoledì 5 giugno 2013

ARCHITETTURA D'IMPATTO


Cari lettori inserisco questo articolo pubblicato su Domus web per vedere cosa ne pensate voi.
Lo studio di architettura giapponese N Maeda Atelier ha di recente realizzato un edificio a uso residenziale e commerciale, a Soko nella Prefettura di Saitama, in Giappone. "L'idea di fondo del progetto", spiega l'architetto Norisada Maeda, "è stata quella di creare una struttura a doppio strato formata da una scatola amorfa che galleggia al di sopra di un volume vetrato a piano terra". La trasparenza di questo livello è stata determinata dall'esigenza di esporre il negozio alla città e ai potenziali clienti.

La linea apparentemente libera delle pareti curve che circondato il negozio è in realtà studiata in modo da tracciare delle specifiche "zone di accoglienza", in cui l'edificio si apre al contesto urbano. L'unita superiore sospesa sul volume del piano terra presenta una minuziosa texture che appare simile più a un prodotto artigianale che industriale. "Abbiamo scattato una foto del cielo e abbiamo tentato di riprodurre sulle facciate questa sorta di cielo nuvoloso in una scala di grigi", spiegano gli architetti. "Il trattamento delle pareti esterne ha consentito di produrre bordi eccentrici e sfocati agli angoli, facendo spiccare l'edificio all'interno del contesto".

Al volume solido e chiuso dell'esterno corrisponde all'interno un ampio vuoto vetrato, assimilabile quasi a un patio se non a una porzione di strada. Ad esaltare questo effetto contribuiscono il grande lucernario del tetto e il trattamento ruvido e non finito delle pareti. "Per ottenere questa particolare qualità tattile, abbiamo tagliato i comuni pannelli di compensato in doghe sottili di 20 cm di larghezza e poi rimosso manualmente le parti molli tra di loro, lasciando la spessa grana in superficie". Il lungo e meticoloso lavoro è stato reso possibile dalla collaborazione con gli studenti della scuola privata guidata dall'architetto Norisada Maeda.














N Maeda Atelier: Torus

Architetti: N Maeda Atelier (Norisada Naeda)
Programma: residenza + negozio
Località: Soka, Prefettura di Saitama, Giappone
Ingegneria strutturale: Ryozo Umezawa
Impresa: Iwamotogumi
Area: 57.42 mq
Fotografia: STUDIO DIO

Architettura d'impatto sicuramente,può piacere come no, dite la vostra sulla nostra pagina facebook


articolo da Domus web



Si è verificato un errore nel gadget